Thunder's Place

The big penis and mens' sexual health source, increasing penis size around the world.

Problemi Ad Avere Un'erezione

Se non c’è eccitazione sessuale la citrullina non serve a una cippa!

Perchè non ti fai un mesetto lontano dalla palestra? Fai una sorta di reset, rilassati, caccia via lo stress fuori di te come se fosse un esorcismo. Quando riprenderai ad allenarti, dovrai pensare all’attività fisica come a una medicina; dosandola quanto serve a farti sentire forte, con appetito e aggressivo! Deve essere la palestra al tuo servizio e non tu al suo. È inutile dare il meglio di se la dentro e non avere energie quando sei fuori. Evita il cedimento muscolare come la peste! Il cedimento viene interpretato dal cervello come a un fallimento. Il fallimento è una cosa molto negativa per il nostro ego!

Messaggio originale di Pipino93

E quale sarebbe secondo te lo strumento che sto utilizzando senza criterio? Sinceramente non ci arrivo. Inoltre vorrei farvi notare che i risultati che ho ottenuto in questi 5 anni in palestra sono anch’essi segno di impegno, non mi pare proprio che io sia il tipo che rimane seduto a lamentarsi. Sono semplicemente uno sfortunato che non riesce ad avere tutto quello che vorrebbe, fine.

Non ho detto che TU stai utilizzando uno strumento senza criterio. Lo strumento è Internet, che altro? Con tutto ciò che ci permette di collegarci ovvero telefonini eccetera. L’eccesso di informazioni, il porno, le immagini, il poter diffondere le proprie idee in netto contrasto le une con le altre, il trovarci più spesso davanti a un monitor piuttosto che parlare faccia a faccia…. La facilità di reperire tutto e senza pagare. Questo ci sta rovinando. L’altro giorno c’erano quelli del balcone di fronte che litigavano come due pazzi, lei chiedeva il telefonino a lui e lu non glielo voleva dare… roba di tradimenti e compagnia bella. Poter accedere a determinate informazioni senza esser pronti per recepirle dandogli il giusto peso… Immagini, filmati, suoni, notizie. Quando si ha un momento libero subito prendere il telefonino per riempirlo. E’ di questo che parlo. Il nostro cervello così non ce la fa, non è fatto per funzionare a questa maniera.

Sì certo i professionisti sono sempre esistiti, ma un 24enne che pensa di dover andare dall’andrologo secondo me ha più in tilt qualcos’altro che l’apparato urogenitale.

Pipino guarda che non mi sto riferendo a te, non ho nulla contro nessuno, te lo assicuro.

Ma mi dispiace non sai quanto che le cose stiano prendendo questa piega, in tutto il mondo. Si stava molto meglio negli anni 90, te l’assicuro, senza tutte queste puttanate. La vita era molto più genuina, fatta di cose concrete.

Peace & Love.

Ciao Pipino

Hai gia ricevuto buonissimi consigli e sono convinto che audirai e che ti aiuteranno. Per me, l’approcio sistematico può essere fatto su due vie diverse:

A. La via dell’esclusione sistematica

Questo comincia colla biologia. Una visita dal andrologo per vedere se ci siano problemi fisici - e naturalmente risolverli se c’è ne sono. Se non ci sono, probabilmente sarai mandato sulla via della psicologia. Questo processo sarà piu lungo ma anche piu sostenibile.

B. La via della probabilità pragmatica

Per me ho notato alcuni segni che il tuo problema è con grande probilità psicologico/mentale. L’approcio sarà allora di confrontarsi di maniera sistematica ai “spettri” che attualmente ti rendono la via difficile. Questo può essere fatto con aiuto professionale o, sè hai persone di referenza e di fida disponibili, anche tra veri amici dal tipo “amico molto piu vecchio/zio/padrone con esperienza della vita” - forse ne hai e puoi parlarli. Non conosco il sistema medicale italiano, allora si deve anche parlare soldi se ti decidi per l’aiuto professionale. E in parallela prendi l’aiuto al livello PE che ricevi da qui. Esercizi da vedere: sopratutto Kegel e edging in piu della Newbie routine sempre raccomandata.

Ma resta la grandissima domanda: come amigliorare la stima di se stesso? Non ci sono soluzioni universale, ognuno deve trovarsi la sua propria verità. Ma forse ti aiutano due storie che ti racconto.

Prima storia: La storia del corpo

Io ero, da bambino, sempre molto svelto. Colla pubertà, che in più ho passato sopratutto in Camerun, ho sviluppato un complesso serioso d’inferiorità al livello del corpo e naturalmente nella mente. Ma l’essere umano ha la tendenza di trovare i piu grandi successi personali basati sulle debolezze personale. Avevo scoperto che, essendo legerissimo, potevo correre rapidamente e sopratutto per distanze molto piu lunghe che i maschioni che erano dintorno à me. Allora, invece di provare di imitarli facendo musculatura (credo che questo lo fai tu) mi ero messo già à 12-13 anni à fare sport che erano favorevole al mio fisico: ciclismo, schi nordico, corsa a lungha distanza, corsa di montagna e ho anche inciominciato d’arrampicare. Mi consideravo sempre come inferiore e debole, malgrado il fatto che mi sono allenato per 3 anni con un certo Markus Ryffel (vai à Google…) e che potevo batterlo in corsa di montagna; malgrado il fatto che avevo vinto una sfida con un certo Werner Günthor su chi era capace di spingere piu di peso colle gambe; malgrado il fatto che dopo una stagione in una squadra di ciclismo semi-professionale avevo abbandonato perchè l’allenamento che facevano era tropo leggero per il mio gusto al’epoca.

A 19 anni, avevo il mio fisico adulto che ho potuto mantenere fino a 35: 183cm e 58-60 kg. Non è magro, è scelettoso! Ma la mia mente storta non vedeva le performanze, vedeva solamente un petto di pollo e spalle da ridere. Anche le mie gambe mi parevano svelto, putroppo che questo ero sempre la parte la piu muscolata del mio corpo.

E la tragedia non era ancora finita! Come avevo mancato l’esame per farmi pilota militare solamente per una miopia scoperta à quel momento, volevo almeno provare al mondo che son’ un “vero uomo” e mi ero iscritto a farmi grenadiere al militare. Ma ancora gli occhiali non andavano bene con quel sogno. Dunque: al “minimo” fare fantassino alpino (credo che in Italia si chiamano Bersaglieri).

Dunque era il momento della scuola per reclute. Ho passato quelle 17 settimane marciando su e giù delle Alpi del Vallese come tutti gli altri. Solamente con una grande differenza: non ero mai stanco, non avevo mai mal di schiena o altri problemi, non mi sono mai lamemtato e quando si trattava di portare armi in piu come il benamato lancia mina (17-21kg) o la mitraglietta lorda (35kg quando è sulla scaffola) al di più delle armi e effetti personali, ero sempre volontario.

E poi è venuto il primo momento chiave nella lunga storia del mio complesso d’inferiorità: una marcia di 50km. Dopo 3km un collega aveva primi problemi di schiena ma volevo continuare - gli ho preso il suo sacco. Dopo altri 3 o 4km, un altro collega aveva anche problemi col piede ma non voleva abbandonare (perche si doveva ripetere individualmente la marcia se non era terminata). Risultato: un fucile addizionale da portare. A km 10, il mio caporale, avendo un corpo (e anche la pelle) come Ben Johnson (che teniva a quel tempo il record mondiale del sprint di 100m) aveva una iperacidità dei bracci - ecco, terzo fucile. Quello che non sapevo era che tutto questo era un mobbing organizzato degli altri perche erano arrabiato che non faticava mai e che facevo degli allenamenti personali ogni giorno quando loro si mettevano già al letto come mosche morte. E in piu ero il solo Svizzero tedescho in una scuola di reclute puramente della Svizzera francofona.

Ho portato per il resto di 40km quasi il peso del mio corpo come carica addizionale. Ho finito terzo su un battaglione di piu di 400 reclute…

Che i superiori e il colonello commandante della piazza d’armi mi hanno felicitato personalmente non era importante. Quello che dopo mi ha cambiato la mente era la confessione dei tre “amici” che si sono scusati dopo - e il rispetto che ho ricevuto da tutti gli altri dopo questa marcia. Avevo finalmente capito che avevo un fisico estraordinario, anche se non si vedeva. Quello che conta da questo giorno per me e la forza e la stamina e non il volume al visuale.

Ne ho avuto ancora altri eventi del stesso genere, e ammetto che gli ho anche cercati per confirmazione, ma cogli anni quel complesso si è ridotto ad un livello che mi va bene. Ammetto che ancora oggi, a 51 anni, vedere un omaccio mi fa un po geloso, ma adesso posso dirmi “che distanza lui sarà capace di fare con 40kg di piu? - Perche io ne faccio 20-30km senz’avere problemi, e ho 51 anni” e la gelosia se ne va.

Seconda storia: Io e i miei secondi passi colle donne

I primi passi erano à 14 anni in Africa. Semplicissimi, dal genere “Mi piaci! Hai voglia?” - un “Si” o un “No” e la domanda era sistemata. Perche perdere tempo à fare lunghi discorsi?

Poi ritornare in Svizzera con 16 anni. Cominciava il tempo dei secondi passi. Io, faccendo il Camerunese direttissimo, ma quante bestemmie e sberle ne ho preso con questa semplice domanda! Io non capivo piu il mondo, e nessuno mi mettiva in mano il manovale segreto per capire donne europee. Combinato col complesso d’inferiorità della prima storia, in poche settimane sono divvenuto il ragazzo il piu timido della Svizzera intera.

Avevo storie da donne, genere amore di gioventu, bocca, lingua e mani ben occupati, ma non osavo piu fare l’ultima domanda per arrivare al obbiettivo “third base” come dicono gli adetti del PUA. Avevo paura, non di sberle, ma di essere ferito al livello emozionale. Se adesso mi ricordo di tutte quelle ragazze, ma quante occasione mancate, quanti segni che oggi sono chiari che non avevo voluto vedere e interpretare! E quante ragazze che ho ferito IO (!) perche non osava! Perche anche una donna si sente male quando la sua proposita non viene accetata.

Per disperanza e curiosità mi ero anche messo sulla pista del omosessualutà. Non era male, non ho avuto esperienze da rigrettare, ma avevo ritrovato la stessa problematica del giocho della seduzione che non potevo fare. E se sono sincero, non sono “abbastanza” omoerotico, un po bisessuale se l’occasione si presenta ma al 95% sono eterosessuale.

Ma come si è risolto questa problematica? E beh, cogli orecchi! :-) Ho la capacità di non solamente parlare ma sopratutto d’ascoltare. Di fare discorsi che vanno in profondità. E poi colle mie qualità di… cuoco. La risoluzione durava alcuni anni ed era molto graduale, ma ho scoperto essere un uomo che sa ben ascoltare e parlare attira la confidenza. E sapere cucinare vuol dire che so viziare le donne. Questo è una “power combination” molto appreziata dal mondo femminile. Confidenza e sentirsi viziata è un passo generale direzione camera da letto.

E quello che mi ha anche aiuto è che avevo avuto affare con donne d’esperienza. Oggi si direbbe Cougar. Loro mi hanno imparato a far l’amore invece di solamente fottere. Questo conta enormamente!

Ah si: se à quel tempo avesse saputo che sono dotato della lotteria genetica di un pisello molto al di sopra della media, sono convinto che il miu sviluppo come persona sarebbe stato diverso. Probabilmente non per il buono, perche sentirsi superiore ha anche il suo pericolo che si chiama arroganza.
.
.
.

Non so se tutto questo ti porta un po di luce in caverna, ma almeno l’ho provato.

Saluti

R65


Modified forum rule #69: Your avatar must show a JUICY ass, may it be female, male, mermaid, even sheep or horses are accepted. :-)

My logbook: Richard65 - the roadbook

Messaggio originale di ZiuFranciscu

Perchè non ti fai un mesetto lontano dalla palestra?

Farebbe meglio una sosta dall’accumulo cerebrale!!! La palestra non può fargli che bene, la vera pausa dovrebbe essere da ciò che sovraccarica la mente (vedi il mio scorso post).

Ok, ok, mio dio, sembra una gara a chi ha più ragione!:D Pipino, sei tu l’artefice del tuo destino, fai come meglio credi! Ciao:-)

Negli anni 90 le seghe me le facevo d’avanti alle riviste (devo averne ancora alcune, nascoste in mansarda dai miei, con le pagine incollate di sperma) e videocassette porno prese in videoteca pagando. Ora il porno è gratis!:D Il male non è la pistola, ma chi la impugna!

Bella storia Richard, sono contento di aver speso 10 minuti a leggerla :)

Pepino tu pensi che i tuoi problemi possano essere dovuti a un ansia da prestazione sessuale?


Rastapano's History: Diario Rastapano: un lungo viaggio

Messaggio originale di ZiuFranciscu

Il male non è la pistola, ma chi la impugna!

Esatto. Proprio così, vedi che mi dai ragione? Però, ad un certo punto, prova a mettere in mano a TUTTI una pistola carica. Vediamo come si finisce.

Boh ragazzi non so che dirvi. Col porno ho chiuso da aprile, quando ho voluto cimentarmi nel PE. Una cosa più sicura della morte è che non smetterò mai di andare in palestra, è l’unica cosa in cui il successo dipende solo da me. Il successo l’ho avuto, almeno una soddisfazione l’ho avuta e non la voglio abbandonare.


Start 04/17

BP: 16,5 / NBP: 15,5 / EG: 13,5

Hei, anche io mi alleno in palestra con tanta soddisfazione dal lontano 1995! Non ti ho mica detto che devi mollarla per sempre! Ho detto solo che dovresti fare un reset, una piccola pausa per ricarburare. Ma tu sembra che vuoi rincarare la dose con allenamenti super intensi in crossfit, alla moda (perchè di questo si tratta)e di un ulteriore fullbody… caro pipino, che ti devo dire, chi è causa del proprio male pianga se stesso! Ciao:-)

Sarà pure alla moda ma gli effetti si vedono eccome. Ma questo è un discorso che ha poco a che vedere con quello di cui si discute. Io penso che se il problema fosse il troppo allenamento, allora dovrebbe rimanermi flaccido anche durante il sesso orale, cosa che invece non succede.


Start 04/17

BP: 16,5 / NBP: 15,5 / EG: 13,5

Se in certi momenti sei capace di ottenere un’ erezione di marmo (come dovrebbe essere alla tua età) ed in altri no, o se in solitaria ottieni erezioni di marmo e magari con una donna no, allora probabilmente il problema risiede nella tua testa.
Occhio al sovrallenamento da PE, che può produrre come effetto collaterale erezioni fiacche; è un effetto temporaneo, ma è giusto ricordare che un allenamento corretto dovrebbe dare come riscontro un aumento della EQ; o comunque il suo contrario dovrebbe farci capire che si sta facendo troppo.

Non mollare una cosa che ti fa stare bene e che reputi essere un esempio di fatica e conseguente successo; anche lì devi capire quanto è il giusto e quanto è il troppo, ma se ti fa sentire bene….fallo. Io farei così.


What is doing PE right? Getting the proper stimulation to recovery ratio. The other critical factor is: if you get vastly improved EQ, your chances of growth are far better! (cit. sparkyx) Warning! If you haven't gotten improved erections:

Il fatto è che erano 9 giorni che avevo staccato col PE, proprio per questi motivi.


Start 04/17

BP: 16,5 / NBP: 15,5 / EG: 13,5

Messaggio originale di Pipino93

Boh ragazzi non so che dirvi. Col porno ho chiuso da aprile, quando ho voluto cimentarmi nel PE. Una cosa più sicura della morte è che non smetterò mai di andare in palestra, è l’unica cosa in cui il successo dipende solo da me. Il successo l’ho avuto, almeno una soddisfazione l’ho avuta e non la voglio abbandonare.

Ciao Pipino, assolutamente d’accordo con te e Ypsilon, non devi abbandonare la palestra, anzi devi privilegiare tutto quello che può aiutarti a migliorare il concetto di se, insomma tutto quello che tu credi possa valorizzarti!!

Impegnarsi nell’agire, nel realizzare un sogno, mettersi in gioco, pensare in modo autocritico per non commettere gli stessi errori, evitando così inutili frustrazioni che indeboliscono il tuo IO, tutto questo è vivere per migliorare. Le strade per giungere ad una crescita evolutiva che punti verso una maturità accettabile sono infinite, devi solo sperimentare e prima o poi ci riuscirai, come fanno tutti!!

Un saluto.😜


(08-2016) BP16-EG13,5

(04-2017) BP18-EG14

:-pulse: :jumpred:


Last edited by Parto da 16 : 06-14-2017 at .

Messaggio originale di Pipino93

Sarà pure alla moda ma gli effetti si vedono eccome. Ma questo è un discorso che ha poco a che vedere con quello di cui si discute. Io penso che se il problema fosse il troppo allenamento, allora dovrebbe rimanermi flaccido anche durante il sesso orale, cosa che invece non succede.

Buogiorno, ma lo sai che sono basito! Ci mancherebbe, sia mai che un po’ di riposo, non dico tanto, sia cosa buona e giusta… è proprio vera la teoria delle endodroghe e la relativa assuefazione!

Io mi alleno con i pesi e mi interesso alla biochimica umana da circa 22 anni; qualche consiglio mi posso permettere di darlo e con ottima cognizione di causa… buona fortuna!


Last edited by ZiuFranciscu : 06-15-2017 at .
Top

All times are GMT. The time now is 11:24 PM.