Thunder's Place

The big penis and mens' sexual health source, increasing penis size around the world.

Schiarire la pelle del pene

Schiarire la pelle del pene

Ciao ragazzi,

Per qualche settimana ho utilizzato il bathmate sotto la doccia, per circa 10 minuti a sessione.

Purtroppo ho dovuto smettere a causa di un visibile inscurimento di tutta la pelle dell’asta, problema che non sembra risolversi

Semplicemente astenendosi da qualsiasi attività di PE.

Esiste qualche crema o impacco che possa aiutarmi nel problema e che non abbia pericolose controindicazioni?

Innanzi tutto ti consiglio di presentarti qui: Nuovi membri italiani dite ciao qui

Riguardo alla crema non saprei, in passato avevo sentito di una crema per scolorire la pelle dell’ano…


15/10/12: Bpfl 10,5 - BPEL 15,2 - Msfg 9,5 - Mseg 11,3

Per schiarire la pelle del pene di solito vengono usate soluzioni a basse dosi di acido glicolico o acido salicilico, al fine di esfoliare la pelle più esterna, oppure il rollo di Firegoat.

Per avere informazioni più dettagliate cerca nelle discussioni inglesi, scrivi “discoloration” e vedi che risultati ti escono.


Rastapano's History: Diario Rastapano: un lungo viaggio

Ma solo io lo vorrei più scuro?!


Starting BPEL 16.5 cm EG 12 cm FL 9.6 cm FG 10 cm

Courrent BPEL 18 cm EG 13 cm FL 12.7 cm FG 11 cm

GOAL BPEL 20 cm EG 14 cm FL 14 cm FG 12 cm

Anche a me piacerebbe averlo più scuro.


09/02/12: BPEL 16,5 - MSEG 13,5

04/02/15: BPEL 19,5 - MSEG 15.5

Goal......: No limits :D Click my photos

Messaggio originale di marcantonio

Ma solo io lo vorrei più scuro?!

Dai, lampade abbronzanti localizzate!


15/10/12: Bpfl 10,5 - BPEL 15,2 - Msfg 9,5 - Mseg 11,3

Messaggio originale di Rastapano
Per schiarire la pelle del pene di solito vengono usate soluzioni a basse dosi di acido glicolico o acido salicilico, al fine di esfoliare la pelle più esterna, oppure il rollo di Firegoat.
Per avere informazioni più dettagliate cerca nelle discussioni inglesi, scrivi “discoloration” e vedi che risultati ti escono.

Avevo già provato a dare un’occhiata, ma a causa della scarsa conoscenza dell’inglese (lacuna che mi sto seriamente impegnando a colmare) non sono in grado di avere un confronto diretto
Con gli altri utenti.
Avrei anche una certa urgenza di migliorare la condizione cromatica per riprendere, con il vostro aiuto e le vostre esperienze, a praticare questa discussa ginnastica!

Guarda purtroppo è un problema comune a molti.

Quì c’è la discussione in inglese che parla del problema: /forum/showthre ad.php?t=48500& … &highlight=acid

Con traslate e un pò di fantasia potresti capirci qualcosa. In ogni caso molti usano questo acido salicilico, che io pure uso ,ma per altri motivi, sulla faccia. Devi sono capire in che percentuale deve essere.


Rastapano's History: Diario Rastapano: un lungo viaggio

Funzionano bene le creme a base di idrochinone, ma in Italia non le trovi, devi acquistarle all’estero magari su ebay (io tempo fa feci cosi’).

Anche a me in passato era successo di avere la pelle di colore molto intenso, molto più scura del mio normale scuro. E’ passato con il tempo, alcuni mesi.


Starting: BPEL 16cm - EG 12.5 cm ... Today: BPEL 19 - EG 13.5 cm ... Goal: BPEL 20 cm - EG 15 cm

DIARIO .. FOTO ..

FOTO di confronto

Anche se un post vecchio rimane sempre attuale. Purtroppo specialmente il vacuumping crea discoloration, comunque inscurimento della pelle. Si tratta di formazioni sanguigne rapprese che rimangono “incastrate” sottopelle. L’idea di base di avercelo più scuro è intrigante ma il problema è che si tratta di una condizione al limite del patologico perchè lo strato di pelle in questo caso non assolve bene alle sue funzioni fisiologiche.
Io sto provando il trattamento con acido salicilico, esfoliando gradualmente vari strati di pelle e cercando di arrivare a quelli piu interessati all’inscurimento.

Il fatto abbastanza sconvolgente è di notare come ad un certo punto della fase di “schiarimento”, dopo aver già esfoliato con l’acido salicilico i primi di strati di pelle non direttamente interessati dall’inscurimento, si giunge agli strati di pelle “neri” e questi con l’opportuna procedura vengono letteralmente raschiati via con l’unghia, una volta lavata e ammorbidita la pelle con l’acqua calda.

Dopo l’applicazione di acido salicilico c’è un periodo di alcune ore nel quale la pelle si rende “disponibile” all’esfoliazione: è tuttavia una procedura abbastanza drammatica perchè in pratica è come se alcuni strati ultrasottili di pelle venissero “bruciati” dall’acido. Bisogna fare attenzione a non andare troppo a fondo, cercando comunque di raggiungere gli strati di pelle da esfoliare. A volte è necessaria una riapplicazione dopo alcuni giorni, tenendo conto che la zona non gradisce affatto una seconda riapplicazione… Ma se proprio è necessario.
L’operazione è anche piuttosto dolorosa ma deve essere contenuta nei limiti del buonsenso. Spesso bisogna aspettare l’esfoliazione dei primi strati ed eventualmente attendere un periodo di giorni per la riapplicazione ma evitando la riformazione totale della pelle, altrimenti non si riuscirebbero a raggiungere gli strati che piu in profondità sono pervasi da quelle maledette macchie scure.

Avercelo più scuro non sarebbe male se solo fosse tutto quando uniformemente piu scuro, ma in realtà è a macchie qua e la e la loro persistenza tende a peggiorare col passare del tempo se non viene trattata, inoltre come già detto sopra si tratta di strati di pelle non piu funzionali e quindi possibilmente vanno esfoliati gradualmente.

La discoloration è una brutta bestia che rischia di limitare il PE per motivi estetici ma prima ancora funzionali.

Personalmente per un certo periodo ho provato anche prendere il sole integrale: ma il problema viene solo mitigato, inoltre non è detto che l’abbronzatura del pene sia un bijoux specialmente in una condizione di discoloration in cui alcuni strati di pelle sono disfunzionali. La soluzione dell’abbronzatura è effimera e temporanea, se non addirittura - forse - dannosa.

Con molta pazienza e uno stop di 2 mesi occorre esfoliare gli strati di pelle disfunzionale e lasciare che la reazione riparativa crei uno strato di pelle “nuova” e funzionale.

L’uso dell’acido salicilico forse è una delle poche vie percorribili ma occorre usarlo con estrema attenzione perchè “brucia” strati di pelle, che poi si riformeranno, ma si tratta di un processo delicato che richiede sempre la massima attenzione per non fare danni.


Last edited by _nadir_ : 06-04-2018 at .
Top
Similar Threads 
ThreadStarterForumRepliesLast Post
Guida Veloce Agli Esercizi ManualimarineraPene più lungo e largo402-22-2017 04:41 PM

All times are GMT. The time now is 11:49 PM.