Thunder's Place

The big penis and mens' sexual health source, increasing penis size around the world.

"prostatite" e possibile soluzione

12

"prostatite" e possibile soluzione

Ciao a tutti, volevo iniziare questa discussione nella sezione “salute sessuale” ma non capisco perché non sono abilitato a ciò (forse per i pochi messaggi scritti sul forum, sul quale mi sono sempre limitato ad una attenta lettura senza partecipare a discussioni) mentre in questa sezione mi è permesso, dunque se i moderatori lo riterranno opportuno possono spostare il thread in quella sezione, grazie ;-)

Scrivo questo post perchè penso possa essere d’aiuto a tanti che si trovano nella mia situazione e non sanno più dove sbattere la testa.
Come documentato da alcuni miei vecchi post su questo forum, nel 2015 ho avuto una prostatite batterica acuta durata un anno (in cui non sono, ahimè, andato a farmi vedere) e poi curata con i soliti cicli di cipro (piccola parentesi: quando l’urologo vi fa fare una spermiocoltura per una possibile prostatite chiedete sempre la resistenza ai farmaci, dovrebbe essere scontato ma nel mio caso non lo è stato e ho fatto 28gg di ciprofloxacina per poi scoprire alla seconda spermiocoltura che ero resistente a tale antibiotico e ho dovuto poi prendere augmentin). Dopo una terza spermiocoltura a seguito degli antibiotici non c’era più nessun batterio ma i sintomi continuavano a persistere.
In questi anni ho letto e provato di tutto, visto numerosi urologi e fatto tutti gli esami diagnostici possibili che ad un urologo possano venire in mente senza mai riscontrare nessuna anormalità. Alla luce di questo venivo “etichettato” come l’ennesimo caso di prostatite abatterica cronica per cui ufficialmente non è prevista una cura definitiva ma solo soluzioni per un temporaneo sollievo.
Inizialmente ho seguito i consigli di qualcuno che aveva scritto nella parte inglese del forum in cui si consigliava di eliminare il caffè (che notoriamente può infiammare la prostata) e assumere quercetina (potente bioflavonoide), entrambi questi consigli devo dire che nel mio caso non mi hanno aiutato, tuttavia ritengo che questi consigli andrebbero provati nel singolo caso e poi valutarne l’efficacia.
Nel mio caso la soluzione definitiva è stato lo STRETCHING del pavimento pelvico (potete trovare su youtube numerosi esercizi da svolgere a casa), io lo pratico da una settimana e non ho più nessun sintomo (che mi hanno accompagnato ininterrottamente per 5 lunghissimi anni qualsiasi cosa io facessi). Nel mio caso credo di aver individuato un ipertono del pavimento pelvico per cui il muscolo PC risultava perennemente contratto.
Mi ero segnato questa frase che avevo trovato e che penso possa essere d’aiuto ad altri : “La contrattura dei muscoli pelvici comprime la vene, le arterie ed i nervi provocando sofferenza dei tessuti pelvici, alterazione dei segnali nervosi degli organi pelvici e alterato funzionamento di questi organi. Di conseguenza si avrà dolore sotto forma di trigger points (aree del muscolo tese, rigide e molto doloranti sia spontaneamente che alla pressione, il cui dolore locale si irradia in aree vicine e collegate) e tender points (aree di dolore provocato anch’esso da una pressione, ma meno intenso, più circoscritto, che non si irradia). Oltre al dolore, l’ipertono del muscolo del pavimento pelvico può provocare sintomi urologici, sintomi genitali e sintomi intestinali”.
Io dopo il primo giorno di stretching tutta la notte ho sentito il muscolo PC contrarsi e rilassarsi, e il giorno dopo riuscivo incredibilmente a rilassarlo maggiormente rispetto a prima e non ho più avuto i tipici sintomi della prostatite. Non sarà sicuramente la soluzione per tutti, ma vale la pena provare.

Messaggio originale di cesar21
Ciao a tutti, volevo iniziare questa discussione nella sezione “salute sessuale” ma non capisco perché non sono abilitato a ciò (forse per i pochi messaggi scritti sul forum, sul quale mi sono sempre limitato ad una attenta lettura senza partecipare a discussioni) mentre in questa sezione mi è permesso, dunque se i moderatori lo riterranno opportuno possono spostare il thread in quella sezione, grazie ;-)

Scrivo questo post perchè penso possa essere d’aiuto a tanti che si trovano nella mia situazione e non sanno più dove sbattere la testa.
Come documentato da alcuni miei vecchi post su questo forum, nel 2015 ho avuto una prostatite batterica acuta durata un anno (in cui non sono, ahimè, andato a farmi vedere) e poi curata con i soliti cicli di cipro (piccola parentesi: quando l’urologo vi fa fare una spermiocoltura per una possibile prostatite chiedete sempre la resistenza ai farmaci, dovrebbe essere scontato ma nel mio caso non lo è stato e ho fatto 28gg di ciprofloxacina per poi scoprire alla seconda spermiocoltura che ero resistente a tale antibiotico e ho dovuto poi prendere augmentin). Dopo una terza spermiocoltura a seguito degli antibiotici non c’era più nessun batterio ma i sintomi continuavano a persistere.
In questi anni ho letto e provato di tutto, visto numerosi urologi e fatto tutti gli esami diagnostici possibili che ad un urologo possano venire in mente senza mai riscontrare nessuna anormalità. Alla luce di questo venivo “etichettato” come l’ennesimo caso di prostatite abatterica cronica per cui ufficialmente non è prevista una cura definitiva ma solo soluzioni per un temporaneo sollievo.
Inizialmente ho seguito i consigli di qualcuno che aveva scritto nella parte inglese del forum in cui si consigliava di eliminare il caffè (che notoriamente può infiammare la prostata) e assumere quercetina (potente bioflavonoide), entrambi questi consigli devo dire che nel mio caso non mi hanno aiutato, tuttavia ritengo che questi consigli andrebbero provati nel singolo caso e poi valutarne l’efficacia.
Nel mio caso la soluzione definitiva è stato lo STRETCHING del pavimento pelvico (potete trovare su youtube numerosi esercizi da svolgere a casa), io lo pratico da una settimana e non ho più nessun sintomo (che mi hanno accompagnato ininterrottamente per 5 lunghissimi anni qualsiasi cosa io facessi). Nel mio caso credo di aver individuato un ipertono del pavimento pelvico per cui il muscolo PC risultava perennemente contratto.
Mi ero segnato questa frase che avevo trovato e che penso possa essere d’aiuto ad altri : “La contrattura dei muscoli pelvici comprime la vene, le arterie ed i nervi provocando sofferenza dei tessuti pelvici, alterazione dei segnali nervosi degli organi pelvici e alterato funzionamento di questi organi. Di conseguenza si avrà dolore sotto forma di trigger points (aree del muscolo tese, rigide e molto doloranti sia spontaneamente che alla pressione, il cui dolore locale si irradia in aree vicine e collegate) e tender points (aree di dolore provocato anch’esso da una pressione, ma meno intenso, più circoscritto, che non si irradia). Oltre al dolore, l’ipertono del muscolo del pavimento pelvico può provocare sintomi urologici, sintomi genitali e sintomi intestinali”.
Io dopo il primo giorno di stretching tutta la notte ho sentito il muscolo PC contrarsi e rilassarsi, e il giorno dopo riuscivo incredibilmente a rilassarlo maggiormente rispetto a prima e non ho più avuto i tipici sintomi della prostatite. Non sarà sicuramente la soluzione per tutti, ma vale la pena provare.

Ciao cesar, sentire questo mi fa stare davvero molto meglio.
Da oltre un anno anche io provo dolore e bruciore dopo l’eiaculazione, spermo e urino coltura nulla, stafilococco aureo nel tampone uretrale. Nel frattempo, già da settimane stavo lavorando sulla mia eiaculazione quasi precoce, mi ero accorto che tenevo il PC PERENNEMENTE contratto, mentre camminavo, a letto, mentre facevo sesso, e questo mi ha portato a ridurre i tempi di una scopata ai minimi storici. Inizio quindi a rilassarlo e a fare edging facendo kegel inversi, piano piano sto sempre meglio e ora riesco a tenerlo rilassato sempre. Una volta durante il sesso lo contraevo in continuazione e questo mi portava a venire in fretta, inoltre subito dopo essere venuto il pene si ritraeva (stavo ancora tenendo il PC contratto). Lo stafilococco lo sto curando con ciproxin ma a breve dovrò rifare il tampone.
I sintomi di dolore e fastidio sembrano attenuarsi ma io dò il merito al rilassamento del pavimento pelvico, vi terrò aggiornati e ringrazio cesar per il post.
Sono dell’opinione che la causa di molte eiaculazioni precoci sia proprio questa.


Start: 01/01/2021 16,5NBP 18,5BP 12,5MEG

Now: 01/01/2022. ?NBP 20,2BP 12,7MEG

Inoltre sconsiglio vivamente i kegel, in quanto fanno proprio ciò che noi non vogliamo. Magari dopo aver per bene ammaestrato il PC possiamo inserirli nella routine.


Start: 01/01/2021 16,5NBP 18,5BP 12,5MEG

Now: 01/01/2022. ?NBP 20,2BP 12,7MEG

Esattamente, mi ritrovo in tutto quello che hai detto Taglio (a partire dal fatto che post eiaculazione il pene si ritraeva fino ai kegel normali che non fanno altro che contrarre un muscolo già contratto). Poi io durante l’eiaculazione sentivo il muscolo PC contrarsi in modo “anormale” quasi spastico.

Messaggio originale di cesar21
Esattamente, mi ritrovo in tutto quello che hai detto Taglio (a partire dal fatto che post eiaculazione il pene si ritraeva fino ai kegel normali che non fanno altro che contrarre un muscolo già contratto). Poi io durante l’eiaculazione sentivo il muscolo PC contrarsi in modo “anormale” quasi spastico.

Poi era un incubo perchè quando iniziavo a strusciarmi con la mia ragazza si contraeva in continuazione ed usciva il liquido pre eiaculatorio immediatamente. Era una cosa ingestibile.


Start: 01/01/2021 16,5NBP 18,5BP 12,5MEG

Now: 01/01/2022. ?NBP 20,2BP 12,7MEG

Messaggio originale di cesar21

Nel mio caso la soluzione definitiva è stato lo STRETCHING del pavimento pelvico (potete trovare su youtube numerosi esercizi da svolgere a casa), io lo pratico da una settimana e non ho più nessun sintomo (che mi hanno accompagnato ininterrottamente per 5 lunghissimi anni qualsiasi cosa io facessi). Nel mio caso credo di aver individuato un ipertono del pavimento pelvico per cui il muscolo PC risultava perennemente contratto.

Ciao Cesar21. Volevo chiederti: che esercizi si fanno nello stretching del pavimento pelvico? I classici Kegel inversi o anche altro?


12/12/2020 Bp17,6 Nbp15,5 Eg13,5

15/06/2021 Bp19,8 Nbp17,2 Eg13,7

Goal: Nbp20 Eg15

Ho seguito quelli indicati in questo video:

Informativa privacy: Cliccando su questa immagine consentirà contenuti da youtube.com

e con il foam roller questi indicati dal minuto 1:09 :
Informativa privacy: Cliccando su questa immagine consentirà contenuti da youtube.com

in questo ultimo video faccio solamente quelli indicati al min 2:45, 10:07, 12:58, 15:47, 20:20, 26:40.

Informativa privacy: Cliccando su questa immagine consentirà contenuti da youtube.com

Inoltre nel mio caso ho aggiunto anche gli stiramenti del jelq da 30 secondi ciascuna in tutte le direzioni.


Last edited by cesar21 : 03-20-2021 at .

Grazie mille. Io faccio solo kegel, ma penso che ogni tanto vorrei aggiungere qualche esercizio di stretch e kegel reverse. Utilissimi i video…


12/12/2020 Bp17,6 Nbp15,5 Eg13,5

15/06/2021 Bp19,8 Nbp17,2 Eg13,7

Goal: Nbp20 Eg15

Ciao Cesar,

grazie per la condivisione di queste informazioni con tutta la Community, credo possano essere utilissime a tutti!
Io posso dirti che nella mia esperienza iniziai a fare kegel per provare ad evere un controllo perfetto nei rapporti. Per un periodo ciò è quello che è accaduto, portandomi durante i rapporti a poter decidere io l esatto momento nel quale venire. Con l andare del tempo probabilmente ho iniziato inconsciamente a contrarlo anche quando non dovevo e mi sono ritrovato con un PC irrigidito che non ero più in grado di rilassare…

Mi piacerebbe iniziare a svolgere gli esercizi che hai postato per tornare ad uno stato “normale”, gentilmente potresti fornirci qualche informazione in più? Su quante volte alla settimana li svolgi, il tempo che dedichi ad ogni esercizio (in uno dei video mi sembra che il ragazzo li svolga per 2 min. ognuno) e per l intera sessione, se hai qualche consiglio magari anche sulla respirazione che immagino sia importantissima…

Ti ringrazio in anticipo per la tua disponibilità

Ciao Jordanxxx,
guarda nel mio caso è stato tutto molto immediato perché dopo neanche 2-3 giorni in cui facevo questo stretching ho iniziato a sentire (e quindi a poter controllare e soprattutto rilassare, perché a contrarlo riuscivo anche precedentemente) il muscolo PC. Quindi dopo 2-3 giorni sono scomparsi anche tutti i sintomi connessi a quella che era ritenuta una “prostatite”. Molti magari penseranno “se dopo soli 2-3 giorni ti è passato significa che non avevi nulla”, ma si sbagliano perché ti posso assicurare che erano 5 anni in cui i vari sintomi non mi passavano (e ripeto le ho provate tutte: antibiotici, diete, kegel, integratori), e 5 anni non sono pochi ma sono un’eternità (e basta cercare i miei vecchi post qui sul forum del 2016 per capire anche i sintomi che avevo e cosa ho passato. Sono stati anche 5 anni di PE persi in quanto appena facevo PE si infiammava tutto, ora da una settimana lo sto praticando e finalmente riesco a vederlo anche “pieno” come non lo vedevo da anni, segno che il PE sta funzionando.
Credo che in molti casi quando si hanno i soliti dolori all’addome basso (dolore sovrapubico) associato ai vari sintomi della prostatite e in assenza di batteri, il dolore sia riconducibile ad una contrattura che va a far lavorare in modo diverso e sbagliato gli altri muscoli del pavimento pelvico, determinando quindi uno squilibrio di tali muscoli.

Io sto continuando a fare gli esercizi per circa 40minuti al giorno, cerco di farli tutti i giorni ma non succede nulla se li salto per un giorno. In ogni caso l’esercizio più importante secondo me è questo che allego in foto, io cerco di farli anche quando sono a letto e non ho nulla da fare, la posizione la tengo per 1-2 minuti e cerco di rilassare il più possibile le gambe lasciandole “cadere” ai lati, non dev’essere un esercizio di “forza” ma di rilassamento. Per le altre posizioni la durata va modulata in base a quello che si riesce fare… alcune non riesco a tenerle per più di 30 secondi ma cerco di fare ogni giorno qualcosa in più.

maxresdefault.jpg
(46.9 KB, 31 views)

Ciao ragazzi, anchio sto eseguendo i kegel perché mi sono stati consigliati nella routine e poi perché volevo migliorare i miei rapporti sessuali, all’inizio faccio molta fatica a contenere l’eiaculazione e vorrei migliorarmi in questo, voi consigliate questi video che ha pubblicato Cesar 21 cioè lo streaching del pavimento pelvico?? Mi potete dare qualche consiglio?? Che poi alla fine va in base ai periodi, o forse è una stato mentale perché delle volte duro molto di più e altre di meno.. In sostanza vorrei imparare a controllarlo meglio!!! Vi ringrazio per l’attenzione!!

Il muscolo PC è quello che blocca il flusso dell’urina?

Esattamente.

Cesar un dubbio, durante gli esercizi a livello di respirazione come ti comporti? Ed a livello di PC?

ti limiti a svolgere lo stretching o nel mentre provi a spingere all esterno il muscolo PC facendo un kegel inverso mentre inspiri/ espiri?

Grazie mille

No, mi limito a svolgere lo stretching. Un kegel inverso riesco a farlo solo da qualche giorno e solo mentre sono totalmente fermo disteso, durante lo stretching non riesco (non so se sia un mio limite e col tempo riuscirò a controllare meglio il pc).
Per la respirazione nulla di particolare, a volte provo a fare dei respiri profondi andando anche a tirare di più durante l’espirazione.

Comunque a dieci giorni dal primo post posso riconfermare che tutti i sintomi sono spariti ;-)

Top
12
Similar Threads 
ThreadStarterForumRepliesLast Post
5 mesi di PE. Possibile riduzione delle dimensioni? Quando cambiare routine?Mino TrauloEsercizi di base per il pene507-12-2018 01:38 PM
Riduzione dimensioni pene.. è possibile??paradise92Esercizi di base per il pene505-21-2018 08:17 PM
Possibile Peyronie?Riccardo85Esercizi di base per il pene401-04-2018 01:22 PM
Possibile problema serio?MarkasEsercizi di base per il pene610-01-2015 01:23 PM
nel jelq come far crescere meno possibile la pelle esternabam bamEsercizi di base per il pene607-12-2013 08:00 AM

All times are GMT. The time now is 09:38 AM.