Thunder's Place

The big penis and mens' sexual health source, increasing penis size around the world.

Jelq, Uli e pressione.

Jelq, Uli e pressione.

Buonasera a tutti,
è da qualche giorno che temo di aver un problema all’uretra. Non credo sia nulla di grave, comunque è un fastidio che si manifesta sopra tutto nella parte bassa del pene. E forse c’entra anche un po’ la prostata. Le erezioni comunque ci sono, non straordinarie, però ci sono.
A questo punto però mi sorge un dubbio. Quale pressione devo esercitare sul mio pene?

Mi spiego meglio.
Sono in un periodo in cui il jelq non mi fa nemmeno più diventare il pene venoso e rosso, pesante, come faceva una volta. Il dopo jelq è una tristezza. Fino a qualche tempo fa, aveva un mega pene floscio che mi cadeva tra le cosce come una terza e calda gamba. Ora, invece, rimane la maggior parte del tempo chiuso in sé stesso, triste, raggrinzito. E credo sia dovuto alla troppa pressione che esercitavo con gli ULI.
L’ULI veniva fatto con una forte pressione occludente alla base del pene, proprio per far sì che il sangue non defluisse. Mi chiedo: è possibile che abbia stretto troppo? Ci sono vari gradi di pressione da poter esercitare, ovvero è possibile con una minore pressione ottenere comunque un buon risultato in termini di imprigionamento del sangue? Potreste dire, prova!, ma forse è meglio che prenda un periodo di pausa, che temo un stenosi uretrale.

Seconda cosa: questo dolore alla base del pene l’ho provato anche con il Jelq oleato, è possibile secondo voi che io abbia esercitato troppa pressione? Ma anche qui, è possibile esercitare troppa pressione nel Jelq?

Spero che qualcuno di voi mi risponda e mi chiarisca questo fatto della pressione esercitata. Spero che qualcuno ci sia già passato e spero che questa domanda aiuti tutti i novizi a cui sorgono dubbi sempre più complessi sulla, se non perfetta, almeno precisa e graduale esecuzione del Jelq.

Messaggio originale di Medball
Buonasera a tutti,
è da qualche giorno che temo di aver un problema all’uretra. Non credo sia nulla di grave, comunque è un fastidio che si manifesta sopra tutto nella parte bassa del pene. E forse c’entra anche un po’ la prostata. Le erezioni comunque ci sono, non straordinarie, però ci sono.
A questo punto però mi sorge un dubbio. Quale pressione devo esercitare sul mio pene?

Mi spiego meglio.
Sono in un periodo in cui il jelq non mi fa nemmeno più diventare il pene venoso e rosso, pesante, come faceva una volta. Il dopo jelq è una tristezza. Fino a qualche tempo fa, aveva un mega pene floscio che mi cadeva tra le cosce come una terza e calda gamba. Ora, invece, rimane la maggior parte del tempo chiuso in sé stesso, triste, raggrinzito. E credo sia dovuto alla troppa pressione che esercitavo con gli ULI.
L’ULI veniva fatto con una forte pressione occludente alla base del pene, proprio per far sì che il sangue non defluisse. Mi chiedo: è possibile che abbia stretto troppo? Ci sono vari gradi di pressione da poter esercitare, ovvero è possibile con una minore pressione ottenere comunque un buon risultato in termini di imprigionamento del sangue? Potreste dire, prova!, ma forse è meglio che prenda un periodo di pausa, che temo un stenosi uretrale.

Seconda cosa: questo dolore alla base del pene l’ho provato anche con il Jelq oleato, è possibile secondo voi che io abbia esercitato troppa pressione? Ma anche qui, è possibile esercitare troppa pressione nel Jelq?

Spero che qualcuno di voi mi risponda e mi chiarisca questo fatto della pressione esercitata. Spero che qualcuno ci sia già passato e spero che questa domanda aiuti tutti i novizi a cui sorgono dubbi sempre più complessi sulla, se non perfetta, almeno precisa e graduale esecuzione del Jelq.


Ciao Medball, i disturbi all’uretra che accusi sono dovuti sicuramente ad una eccessiva forza impressa sul pene in generale, in particolare su quest’ultima, infatti il continuo strofinio con aggiunta di eccessiva forza può creare infiammazioni dell’uretra da microlesioni, queste poi possono essere terreno fertile per i batteri, e il passo è breve per infettare poi vescica e prostata.
La migliore presa per fare PE, io penso sia a mano inversa, palmo rivolto in giù, dove il tessuto morbido tra il pollice e l’indice poggia sulla parte dorsale del pene salvaguardando le ramificazioni nervose ricche in questa zona, nella zona ventrale invece l’angolo a V che si crea tra indice e pollice che si toccano dovrà ricevere l’uretra, eseguire il jelqing senza eccessiva forza, calibrandola e facendola cadere maggiormente sui CC.
Nel jelqing è convinzione comune che la forza debba essere alta, altrimenti non si avverte lo spostamento ematico, questo non è vero per il semplice fatto che basta una minima pressione sui CC per espandere il glande, che non deve apparire come se fosse pronto ad esplodere, ciò che creerà le tanto ricercate microlesioni dei tessuti sarà il continuo ripetersi dello stesso gesto, è dimostrato infatti che bastano 300 piccoli schiaffetti sulla fronte per perdere i sensi da trauma cerebrale!!😱
Detto questo immagina cosa accade al pene dopo 250/300 jelqs, 10 min di stretching al di per due giorni consecutivi, penso sia d’obbligo il riposo al terzo giorno!!
Eseguire il jelqing ad alta erezione, oltre 80%, equivale ad eseguirlo ad eccessiva forza impressa, i tessuti sottoposti ad un modo errato di vedere le cose si adatteranno facilmente a questo tipo di stimolo eccessivo a discapito però, della crescita, questo perché si costringono i tessuti, fibre elastiche e fibre collagene ad irrobustirsi invece di espandersi con la crescita, proprio per evitare strappi!!
Si potrà con il tempo, dopo almeno 1 anno, aumentare gradualmente anche la % di erezione, il numero di esecuzioni, il tempo di esecuzione….adattando il PE al graduale e inevitabile, irrobustirsi dei tessuti, per questo stesso motivo si consiglia di inserire eventuali device dopo almeno 2 anni di PE.
Farlo prematuramente e mi rivolgo a chi si approccia al PE, può essere rischioso oltre che non produttivo!!
Un saluto.😜


(08-2016) BP16-EG13,5

(04-2017) BP18-EG14

:-pulse: :jumpred:

Grazie Parto della chiarissima risposta. Solo un’altra cosa: secondo te, quanto dovrei fermarmi dal PE dopo aver fatto tre mesi ad esagerare? Mi rendo conto solo ora che la pressione era troppo forte…

O pensi che io abbia rovinato irremediabilmente la mia esperienza di PE?

Messaggio originale di Medball

Grazie Parto della chiarissima risposta. Solo un’altra cosa: secondo te, quanto dovrei fermarmi dal PE dopo aver fatto tre mesi ad esagerare? Mi rendo conto solo ora che la pressione era troppo forte…

O pensi che io abbia rovinato irremediabilmente la mia esperienza di PE?

Ciao Medball, il PE è fatto di periodi di attività dove i tessuti anche se sottoposti a minimi stimoli, inevitabilmente si adattano a questi, e periodi di riposo volti a decondizionare, facendogli perdere parte della sua resistenza a vantaggio di una maggiore elasticità, naturalmente gli stimoli da imprimere poi, dovranno essere superiori a quelli precedenti se si vuole ottenere ulteriori guadagni.

Per chi inizia il PE il minimo periodo di attività può essere tranquillamente di sei mesi, poiché la routine di base è studiata per impulsi di livello medio-basso, e per questo motivo, non penso che tu abbia compromesso i futuri progressi nel PE, riduci però la forza impressa continuando questa esperienza!!

Un saluto.😜


(08-2016) BP16-EG13,5

(04-2017) BP18-EG14

:-pulse: :jumpred:

Ti ringrazio Parto, farò come consigli!

Top
Similar Threads 
ThreadStarterForumRepliesLast Post
JelqsmaferoAgrandamiento del Pene1305-05-2008 06:46 PM
De Josehvila hoy genius: Dispositivo para JELQmaferoAgrandamiento del Pene008-10-2007 11:06 PM
Hanging RoutineDickstructionPenis Hangers902-07-2006 03:18 AM
Whats the difference between ULI and JELQ ?nitroPenis Enlargement Basics1410-30-2002 09:35 PM

All times are GMT. The time now is 08:26 PM.