Thunder's Place

The big penis and mens' sexual health source, increasing penis size around the world.

Un saluto e una richiesta relativa alla Induratio Penis Plastica

12

So per esperienza che le cicatrici si rilassano e assumono elasticità se dolcemente massaggiate quotidianamente, ora non ho idea se questo valga anche per la tunica.
Sicuramente però il jelquing sfrutta questo principio quindi mi viene da dire che sia effettivamente così anche per il nostro amico.
Se hai idea di dove sia la piega cicatriziale, io fossi in te inizierei a massaggiarla, ovviamente senza procurarti erezione, altrimenti rischi di sforzarla anzichè distenderla…

Questo è il consiglio che mi sento di darti io, da par tuo, non medico nè specialista.
Sono solo uno che di cicatrici sul corpo ne ha di importanti e avevo ricevuto a suo tempo dagli specialisti del settore questo consiglio.

Grazie fvecchio79. So bene dove si trova la cicatrice (la sento al tatto) e la massaggio ogni giorno (2 volte al giorno) con un antinfiammatorio che mi ha prescritto il medico (oltre ad una quantità di altri medicinali). Tu dici dunque che tutto sommato il jelq potrei anche farlo? E se usassi gli estensori? Funzionano davvero per la lunghezza con effetti definitivi o sono solo leggende? Per la ipp ho letto di molti che usano extender.

No, io al posto tuo eviterei qualsiasi pratica stressante. E il PE è in genere abbastanza stressante per il nostro fringuello.

Continua coi massaggi, con l’antinfiammatorio, se il medico te l’ha consigliato… Continua così e secondo me qualcosa dovresti vedere nel lungo termine.

Devi senz’altro rimanere consapevole del fatto che i tempi di recupero del nostro corpo sono lunghi.. Dovrai avere molta pazienza.

Messaggio originale di Davidleeroth
Grazie fvecchio79. So bene dove si trova la cicatrice (la sento al tatto) e la massaggio ogni giorno (2 volte al giorno) con un antinfiammatorio che mi ha prescritto il medico (oltre ad una quantità di altri medicinali). Tu dici dunque che tutto sommato il jelq potrei anche farlo? E se usassi gli estensori? Funzionano davvero per la lunghezza con effetti definitivi o sono solo leggende? Per la ipp ho letto di molti che usano extender.

Di sicuro l’estensore funziona bene, se indossato in modo regolare per almeno un migliaio di ore.

Credo che tra tutte le pratiche di PE una trazione leggera ma continua nel tempo sia il modo migliore per tornare alle tue precedenti dimensioni.

Il jelq lo vedo leggermente più stressante, di sicuro mi sentirei di sconsigliarti, almeno per ora, il jelq secco, che a mio avviso esercita una pressione maggiore rispetto al jelq oleato.
Quest’ultimo invece se fatto in modo molto molto graduale e con una bassa erezione (60%) potrebbe darti da subito dei risultati in lunghezza e intanto il pene inizierebbe ad abituarsi a sollecitazioni in futuro eventualmente maggiori.

Non sono un esperto ma io al posto tuo sicuro inizierei con l’estensore, magari uno a vacuo e con il regolatore della trazione (come il penimaster pro per intenderci).

Per il jelq attenderei la risposta di qualche utente piu esperto, come marinera, no pain o geco1. ;)


Starting sept 2012: BPEL 15.5 cm - NBPEL 13.5 - EG 13,0 cm

Today: BPEL 18.8 cm - NBPEL 15.3 cm - EG 14.0 cm

Goal: BPEL 19 cm - NBPEL 17.0 cm - EG 16 cm

Il jelq vero è proprio va evitato. La chirurgia viene effettuata, ma solo in casi estremi perchè non c’è garanzia di miglioramento e comunque non certo sui legamenti (viene invece asportata la parte cicatriziale della tunica).

Per quanto riguarda la pompa come utilizzo per il tuo caso:

The role of vacuum pump therapy to mechanically straighten the penis in Peyronie’s disease

Amr Abdel Raheem, Giulio Garaffa, Tarek Abdel Raheem, Michelle Dixon, Amanda Kayes, Nim Christopher, David Ralph
Article first published online: 23 APR 2010

PATIENTS AND METHODS
Modelling of the tunica albuginea has been shown to be possible during penile implant surgery and this principle has been applied as an alternative conservative therapy. In all, 31 patients with PD (mean duration 9.9 months; mean age 51 years, range 24–71) completed the study. Over a 12-week period, the patients used a vacuum device (Osbon ErecAid®, MediPlus, High Wycombe, UK) for 10 min twice daily. The assessment at study entry and at completion after 12 weeks included the International Index of Erectile Function questionnaire, a perceived pain intensity score, stretched penile length measurement and the angle of penile deformity after an intracavernous injection with prostaglandin E1.

RESULTS
There was a clinically and statistically significant improvement in penile length, angle of curvature and pain after 12 weeks of using the vacuum pump. Of the 31 patients, 21 had a reduction in the angle of curvature by 5–25°, three had worsening of the curvature and there was no change in the remaining seven. The curvature was corrected surgically in 15 patients while the remaining 16 (51%) were satisfied with the outcome.

CONCLUSION
Vacuum therapy can improve or stabilize the curvature of PD, is safe to use in all stages of the disease, and might reduce the number of patients going on to surgery.

http://onlinelibrary.wiley.com/doi/…10.09365.x/full

Per quanto riguarda l’estensore:

J Sex Med. 2008 Jun;5(6):1468-73. doi: 10.1111/j.1743-6109.2008.00814.x. Epub 2008 Mar 26.
Penile traction therapy for treatment of Peyronie’s disease: a single-center pilot study.
Levine LA, Newell M, Taylor FL.
Source
Department of Urology, Rush University Medical Center, Chicago, IL, USA. drlevine@hotmail.com

bstract
INTRODUCTION:
Peyronie’s disease (PD) is a fibrotic disorder of the penis whose etiopathophysiology remains unclear. At this time, there is no known reliable nonsurgical treatment. This study reviews our experience with external penile traction therapy to correct the deformity associated with this disorder.
AIM:
To evaluate prolonged external penile traction as a nonsurgical treatment for PD.
METHODS:
Ten men with PD completed this noncontrolled pilot study of traction therapy using the FastSize Penile Extender. Nearly all (90%) had failed prior medical therapy. Traction was applied as the only treatment for 2-8 hours/day for 6 months. All subjects underwent pre- and post-treatment physical examination including measurement of stretched flaccid penile length (SPL) and biothesiometry.
MAIN OUTCOME MEASURES:
Curvature and girth were measured during erection before and after treatment with dynamic duplex ultrasound. Assessment of erectile and sexual function was further assessed with the International Index of Erectile Function and Quality of Life Specific to Male Erection Difficulties (QOL-MED) questionnaires. At 3 and 6 months post-treatment, SPL was measured and subjective assessment of deformity by the patient was recorded.
RESULTS:
Subjectively all men noted reduced curvature estimated at 10-40 degrees, increased penile length (1-2.5 cm) and enhanced girth in areas of indentation or narrowing. Objective measures demonstrated reduced curvature in all men from 10-45 degrees; average reduction for the group was 33% (51-34 degrees). SPL increased 0.5-2.0 cm and erect girth increased 0.5-1.0 cm with correction of hinge effect in four out of four men. International Index of Erectile Function-erectile function domain increased from 18.3-23.6 for the group. Changes in quality of life by QOL-MED were not found to be statistically significant in this small series. There were no adverse events including skin changes, ulcerations, hypoesthesia or diminished rigidity.
CONCLUSION:
Prolonged daily external penile traction therapy is a new approach for the nonsurgical treatment of PD. Further study appears warranted given the response noted in this pilot study.

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/…7?dopt=abstract

Un altro più recente:
J Sex Med. 2009 Feb;6(2):558-66. doi: 10.1111/j.1743-6109.2008.01108.x. Epub 2008 Dec 2.
Use of penile extender device in the treatment of penile curvature as a result of Peyronie’s disease. Results of a phase II prospective study.
Gontero P, Di Marco M, Giubilei G, Bartoletti R, Pappagallo G, Tizzani A, Mondaini N.
Source
Urology Department, University of Torino, Torino, Italy. paolo.gontero@unito.it

Abstract
INTRODUCTION:
Pilot experiences have suggested that tension forces exerted by a penile extender may reduce penile curvature as a result of Peyronie’s disease.
AIM:
To test this hypothesis in a Phase II study using a commonly marketed brand of penile extender.
METHODS:
Peyronie’s disease patients with a curvature not exceeding 50 degrees with mild or no erectile dysfunction (ED) were eligible. Fifteen patients were required to test the efficacy of the device assuming an effect size of >0.8, consistent with an “important” reduction in penile curvature. Changes in penile length over baseline and erectile function (EF) domain scores of the International Index of Erectile Function (IIEF) constituted secondary end points.
MAIN OUTCOME MEASURES:
Patients were counselled on the use of the penile extender for at least 5 hours per day for 6 months. Photographic pictures of the erect penis and measurements were carried out at baseline, at 1, 3, 6, and 12 months (end of study). The IIEF-EF domain scores were administered at baseline and at the end of study. Treatment satisfaction was assessed at end of study using a nonvalidated institutional 5-item questionnaire.
RESULTS:
Penile curvature decreased from an average of 31 degrees to 27 degrees at 6 months without reaching the effect size (P = 0.056). Mean stretched and flaccid penile length increased by 1.3 and 0.83 cm, respectively at 6 months. Results were maintained at 12 months. Overall treatment results were subjectively scored as acceptable in spite of curvature improvements, which varied from “no change” to “mild improvement.”
CONCLUSIONS:
In our study, the use of a penile extender device provided only minimal improvements in penile curvature but a reasonable level of patient satisfaction, probably attributable to increased penile length. The selection of patients with a stabilized disease, a penile curvature not exceeding 50 degrees, and no severe ED may have led to outcomes underestimating the potential efficacy of the treatment.

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/…1?dopt=abstract

Non so se capisci l’inglese ma comunque quello che dicono questi studi è che la terapia con la pompa a vuoto e/o estensori può essere efficace in casi come il tuo. Ripeto che non devi aspettarti miracoli e che devono essere usate sempre forze molto basse. Per questo motivo escluderei gli esercizi manuali.

Beh, che dire ragazzi se non grazie mille.

Per ora sono molto confuso e terrorizzato relativamente all’uso di questi metodi. Comunque ritengo che procederò con 1 estensore che mi aiuti a riacquistare almeno 1 dei 2 centimetri persi (spero anche qualcosina in più).

Ci sono possibili danni che il pene può subire con gli estensori?

Vorrei tenerlo almeno 6 ore al giorno ogni giorno per 6 mesi, ritenete sia sufficiente?

Per chi lo usa (tipo il penismaster pro) sotto gli abiti da lavoro (abito da uomo) è portabile o si vede?

Scusate le mille domande (che spero comunque siano di aiuto a tutti coloro affrontano un brutto periodo come il mio).

Qualsiasi consiglio mi sarà utile e qualsiasi mio miglioramento (che spero arrivi) lo metterò sul forum in condivisione.

Non è vero che devi tenerlo almeno 6 ore al giorno. Quel che conta è il numero di ore totali, non le ore giornaliere.

Nel male sei stato fortunato! Non hai riportato curvature e questo è quasi un miracolo! Una curvatura che ostacola o rende difficoltosi i rapporti ti avrebbe costretto ad operarti. Un operazione importante e delicata!

In riabilitazione utilizziamo la ionoforesi, non mi ricordo il nome del farmaco, per cercare di “sciogliere” la placca. Non ti so dire se i risultati sono buoni, mi è capitato un solo caso un paio di anni fa, ma in ambulatorio non eravamo attrezzati per praticarla.

Ma fossi in te nemmeno la farei,magari si rischia di “sciogliere” la placca in maniera asimmetrica e creare deviazioni.

Il tuo pene è normale, anzi è ancora sopra la media, quindi tieni la patologia sotto controllo seguendo le indicazioni dell’andrologo e stop, almeno per ora.

Lascia stare l’intervento per il legamento sospensorio, guadagneresti solo un paio di cm da flaccido. Come ogni intervento chirurgico ha rischi e controindicazioni, fra le quali la riduzione dell’angolo pubo-penieno e una bella cicatrice a y sul pube. Un mio conoscente non ha preso quasi nulla in erezione.


PE da Novembre 2012

Settembre 2014: BP 16.5 EG 13.5

Obiettivo: BP 18 EG 15

Intanto di nuovo grazie. Vivo un incubo e leggere i vostri consigli di sicuro mi fa stare meglio.

Che tipo di estensore mi consigliate (ce ne sono una quantitá infinita e vorrei orientarmi sul migliore) considerando che per 5 giorni alla settimana potrei indossarlo al massimo 4 ore e il fine settimana al massimo 6?

Davvero potrei recuperare 2 cm? I risultati sono duraturi?

Credo nel tuo caso il penimaster pro sia buono, per il regolatore della trazione.

Ciao Davide…
Fossi in te, non inizierei neanche un minimo esercizio al fine di aumentare le dimensioni del pene. Se hai un problema, è chiaro che il tuo pene ora non è in grado di sostenere ulteriore stress. Qui c’è gente che ha avuto problemi, pur avendo un cazzo sano, e stando “relativamente” attenti. Perche tu vuoi di nuovo quei 2 centimetri? Fai una bella cosa invece: calati le braghe, fai un set fotografico al tuo pene, e posta le foto migliori. Con 16 cm e 14/15 di circo, vedi te le risposte che ti becchi!!

Vacci piano cowboy, che è giusto quello che vuoi fare, ma non ora. Io al caso tuo, sarei sceso di 13 cm, e non so cosa avrei fatto. Ma di sicuro, non avrei iniziato PE.

Un risentito abbraccio,
E buona fortuna :)


[START] 10•9•2013 NBP 15cm (6") x EG 13.5 cm (5.4")

[STOP] 16•10•2013 NBP 16.2cm (6.3") x EG 13.7cm (5.4") size=1][RESTART] 02•04•2019 NBP 16cm (6.1") x EG 13.6 cm (5.4")

PE TUTORIALS NEWBIE ROUTINEPE DEVICEINJURIES AND TREATMENTSALLITALIAN HERECHEMICAL PE

Top
12

All times are GMT. The time now is 11:37 PM.