Thunder's Place

The big penis and mens' sexual health source, increasing penis size around the world.

Kegel E Kegel Inverso

Ti ringrazio e cercherò di avere un atteggiamento più positivo come mi hai detto. Pensavo che avendo letto su quel forum che un utente ha migliorato la durata con gli stiramenti che detendono i muscoletti potrei prendere due oiccioni con una fava (la mia) nel senso che tirandolo lavoro sulla lunghezza e anche sulla resistenza. Speriamo

Esprimo un pensiero su una cosa che ho imparato e che secondo me potrebbe essere di aiuto a qualcuno, o almeno me lo auguro. È un pensiero, una tecnica che si incastra alla perfezione nel concetto di capacità di durare, di controllare l’impulso dell’eiaculazione, di lavoro sul pavimento pelvico. È qualcosa che non prescinde dal fatto che per ottenere un risultato ci vuole tempo, pazienza, giusto atteggiamento e molta pratica.

Immaginiamo una situazione in cui una persona ha scarso controllo dell’ eiaculazione, escludendo situazioni estreme ed includendo situazioni nelle quali attraverso l’allenamento si può ottenere un risultato man mano migliore.
La persona ha stabilito che avverte una tensione esagerata nel pene e nel pavimento pelvico, lo ha stabilito attraverso un esercizio; lo ha stabilito ad esempio attraverso un esercizio in cui ci si masturba non con la finalità di eiaculare, ma con la finalità di sviluppare la propria capacità di controllarsi, di gestire la tensione che si genera. Attraverso l’allenamento potrà imparare a gestire gli stimoli che arrivano dal sistema, e potrà imparare a migliorare una situazione di partenza, ancorandosi di volta in volta al migliore risultato ottenuto a solo per riproporlo in un contesto a due, ed avendo sviluppato la capacità di fare un kegel inverso quando è necessario.

Diversamente una persona potrà ancorarsi alla situazione negativa, e potrà ancorarsi a quella partendo dal presupposto che il risultato che otterrà sarà simile a quello negativo ottenuto in precedenza. Succede più volte di quelle che ci si immagina, perché succede inconsciamente.

Quando, con la pazienza che ogni allenamento richiede, si imparerà ad avere più controllo, si potrà fare in modo di ancorarsi alle sensazioni di durata che si ottengono attraverso l’allenamento, e si potrà cercare di riprodurle in un contesto reale.

Come uso io un’ ancora? Mi masturbo generando un’erezione ed immaginando un contesto in cui faccio sesso. Cerco di sviluppare la capacità di controllare la tensione, rilassando il pavimento pelvico o facendo un kegel inverso al bisogno. Cerco di immaginare e di fare in modo che la mia capacità di controllarmi sia alta. Quando ci riesco nell’esercizio in solitaria mi creo un’ancora, un aggancio che è in grado di riprodurre quella capacità, sviluppata attraverso l’allenamento, in un contesto reale.

Quando è il momento pratico mi basta richiamare l’ancora per rivivere le sensazioni e le capacità che ho sviluppato attraverso l’allenamento. Potendo scegliere è meglio allenarsi per ottenere un risultato migliore ed ancorarsi ad esso piuttosto che ancorarsi all’insuccesso e non capire come gestirlo. Meglio scegliere le “cose” a cui è meglio ancorarsi, secondo me.

La mia ancora è una parola, la parola è “ADESSO”. Siccome ho ancorato questa parola ad un insieme di sensazioni, so che quando mentalmente me la dico il mio sistema riproduce le sensazioni che ho precedentemente inglobato in quella ancora, e sicuramente grazie a questo ho più successo di prima. Ed emozionalmente mi sento più appagato, anche solo per il fatto di avere sviluppato una capacità.

A mio avviso non bisogna mai dimenticare l’importanza di una buona EQ, a mio avviso è importante allenarsi per migliorare la propria EQ e per sviluppare la capacità di controllarsi e di agire così come si vorrebbe agire. Il mio è solo un metodo, molti metodi possono portare ad ottenere un risultato, nessuno prescinde dall’ allenamento.


What is doing PE right? Getting the proper stimulation to recovery ratio. The other critical factor is: if you get vastly improved EQ, your chances of growth are far better! (cit. sparkyx) Warning! If you haven't gotten improved erections:

Amici, voglio dare un piccolo contributo alle persone che vivono un disagio a causa delle loro prestazioni, facendo capire che è necessario un lavoro su sé stessi e che questo lavoro richiede impegno, pazienza, giusto atteggiamento.

Veniamo spesso bombardati da informazioni che ci riportano a cause psicosomatiche, cioè a conseguenze che si riflettono sul corpo per motivi psichici. Ma se è vera la relazione tra psiche e soma è in qualche modo vera anche quella tra soma e psiche.

Ad esempio ad una persona che ha scarse prestazioni, tipo poca durata, potrebbe venire detto che la causa è di tipo psicosomatico, affermando che il problema abbia principalmente luogo nella psiche. Ma siccome la relazione tra psiche e soma è biunivoca, si può cercare di migliorare l’aspetto corporeo per migliorare quello psichico. E non intendo dire con questo che si debba essere muscolosi o che si debba avere un pene enorme, ma dico che capire come dissipare la tensione corporea che si genera in determinate situazioni, allenarsi a comprenderla e a gestirla, può avere un riflesso positivo sull’aspetto psichico.

Esistono molteplici metodi, molteplici metodiche o strade diverse per arrivare allo stesso traguardo. Più che il metodo è importante l’obbiettivo, ed è importante l’atteggiamento con cui si procede, ed è importante l’allenamento.

Però penso anche una cosa importante: è pieno il mondo di ciarlatani che speculano sulle difficoltà delle persone (non intendendo includere le persone qualificate e certificate per dare aiuto ad altri nel momento del bisogno). Sono convinto che alcune tecniche autogene, tecniche che prevedono un lavoro autonomo su sé stessi (con indicazioni precise), senza dipendere da nessuno, e senza che ci si aspetti che sia qualcun altro che da un giorno all’altro ci possa magicamente trasformare in qualcosa di diverso da cui oggi siamo, sono convinto che possano essere le più efficaci.

Diffidate delle persone che vi illuminano lo sguardo con insegne luminose, e che vi tengono attaccate ad una speranza facendovi uscire dei soldi immotivatamente. Ponete fiducia nelle persone che cercano di rendervi autonomi nel percorso, che cercano di farvi capire che è necessario uno sforzo interiore autonomo per generare un cambiamento.

Nessuno ha la bacchetta magica per modificare le cose che ci accadono attorno, nessuno è in grado di cambiare magicamente la situazione che ciascuno di noi vive. Nessuno a parte noi stessi. I cambiamenti avvengono nella mente di ciascuno di noi, siamo noi alla fine gli artefici del cambiamento.

Allenarsi ad agire come si vorrebbe agire può essere un buon metodo; tecniche di edging con giusta partecipazione mentale possono essere un buon metodo per migliorarsi, tecniche che lavorano sul piano fisico e su quello mentale. Piano piano, autonomamente, si può migliorare la situazione dalla quale si parte.

Rimanendo con i piedi per terra e con il massimo rispetto nei confronti di chi effettivamente non è in grado di essere autonomo.


What is doing PE right? Getting the proper stimulation to recovery ratio. The other critical factor is: if you get vastly improved EQ, your chances of growth are far better! (cit. sparkyx) Warning! If you haven't gotten improved erections:


Last edited by Ypsilon : 03-09-2017 at .

A mio avviso è certamente utile. Ogni informazione genuina, data dal piacere di condividere, può essere di aiuto per altri. E quello che per qualcuno può essere la capacità di uscire da una situazione di eiaculazione precoce, per altri può significare la capacità di avere prestazioni migliori rispetto a quelle di partenza.

Anche io sono qui per imparare, e il mio percorso è di apprendimento.


What is doing PE right? Getting the proper stimulation to recovery ratio. The other critical factor is: if you get vastly improved EQ, your chances of growth are far better! (cit. sparkyx) Warning! If you haven't gotten improved erections:

Ragazzi torno a commentare questa discussione sperando possa tornarvi utile anche a voi. Come già spiegato bene anche da Y in precedenza, e come sicuramente già saprete anche voi, l’allenamento di kegel/kegel inverso serve per avere una percezione migliore del proprio pavimento pelvico e rimanere rilassati e quindi durare di più a letto.

Qualche post fa Y spiegava come cercava di immedesimarsi nella situazione, anche nelle posizioni se non sbaglio, mentre cercava di ascoltare come lavorava il suo muscolo pc.

Ora vi racconto cosa mi è successo a me, qualche giorno fa ho comprato dei preservativi (era tanto non li usavo) e poiché di quelli in farmacia molti mi stanno stretti ho provato i meno peggio che si trovano li in termini di grandezza di circonferenza (56 mm) che mi vanno un po’ strettini ma rispetto agli altri sono comunque comodi, e incuriosito ho optato per i durex sync. Questi hanno un doppio effetto, ritardante e piacevole per la donna, così dicono… Io non ho mai avuto problemi di durata soprattutto con il preservativo che si sente molto meno, però usandoli ho notato che un po’ l’effetto ritardante si è sentito (mettendo il preservativo un po’ prima di farlo in modo tale che facesse effetto) e con il fatto che con la mia ragazza purtroppo non mi vedo spesso quando lo facciamo per la troppa foga non capisco più nulla ahah invece con questi sentendo molto meno ho notato che ho potuto benissimo concentrarmi sul muscolo pc e vedere come rilassarlo nelle varie posizioni.

Concludo quindi dicendovi che magari che usiate i preservativi o meno, se volete concentrarvi ed avere più controllo imparando ad ascoltare il vostro muscolo pc i preservativi ritardanti sync/performa potrebbero essere un ottima soluzione, ovviamente una volta capito il meccanismo cestinateli e godetevi il rapporto nel modo e con i preservativi che preferite o meno :)

Spero sia utile a qualcuno questa mia testimonianza.

Ma si, oltre ai vantaggi che un preservativo può ovviamente dare (mai dimenticarlo) può anche essere considerato per qualcuno come un vantaggio per filtrare un po’ le proprie sensazioni, a vantaggio di ciò che si vuole ottenere.

Imparare a rilassarsi, a detendere la muscolatura pelvica, può essere un vantaggio per molti, secondo me.

Se in certe situazioni un preservativo è più funzionale di altri…ben venga.

Per chi ne ha bisogno: allenatevi, l’allenamento dà risultati! Prima o poi l’allenamento ripaga.


What is doing PE right? Getting the proper stimulation to recovery ratio. The other critical factor is: if you get vastly improved EQ, your chances of growth are far better! (cit. sparkyx) Warning! If you haven't gotten improved erections:

Salve, vorrei chiedere un parere riguardo agli esercizi consigliati per il problema inverso dell’eiaculazione precoce. Non voglio assolutamente fare il fenomeno che si vanta della lunghezza dei propri rapporti, anzi il mio problema è una scarsa sensibilità peniena e del glande (forse troppa masturbazione con materiale pornografico, ansia da prestazione) e di conseguenza ho difficoltà a raggiungere l’orgasmo con conseguente perdita dell’erezione stessa. Vorrei capire se per questo problema convenga più allenarsi con i kegel o i kegel inversi in generale e durante il rapporto stesso per non perdere l’erezione. Grazie

Per migliorare l’erezione puoi usare i kegel normali; anche liberarsi dalla pornografia può far solo che bene sia per l’erezione che per come si vive il rapporto ;)


Start [2013]:16BPx12.5MEG || Start APR [2016]:16.5x13.1 || Today:19x14.3cm (7.5x5.7in)

OB1:18x13 || OB2:19x14 || OB3[2022]:20x14.5 || OB4[2023]:21.5x15

Diario e foto || Tabella routine ciclica APR

Non credo che i kegel possano modificare la sensibilità intesa in senso stretto, la sensibilità del glande. Però, come ha detto anche Antanior, se ritieni che il problema sia legato alla pornografia e al tipo di masturbazione che hai avuto guardandola, il lavoro che devi fare va in quella direzione. Cioè modificare quelle abitudini che producono risultati conosciuti. Può essere che ci vuole tempo, e quindi pazienza, per ottenere risultati apprezzabili.


What is doing PE right? Getting the proper stimulation to recovery ratio. The other critical factor is: if you get vastly improved EQ, your chances of growth are far better! (cit. sparkyx) Warning! If you haven't gotten improved erections:

Messaggio originale di coleman85

Salve, vorrei chiedere un parere riguardo agli esercizi consigliati per il problema inverso dell’eiaculazione precoce. Non voglio assolutamente fare il fenomeno che si vanta della lunghezza dei propri rapporti, anzi il mio problema è una scarsa sensibilità peniena e del glande (forse troppa masturbazione con materiale pornografico, ansia da prestazione) e di conseguenza ho difficoltà a raggiungere l’orgasmo con conseguente perdita dell’erezione stessa. Vorrei capire se per questo problema convenga più allenarsi con i kegel o i kegel inversi in generale e durante il rapporto stesso per non perdere l’erezione. Grazie

Ciao Coleman85, benvenuto innanzitutto!!🤗

Hai già ottenuto molti consigli, ora spetta a te analizzarli per inquadrare l’origine del disturbo, che mi pare di aver capito che ti ecciti ma è difficoltoso giungere all’orgasmo!!

Ora ti do un’altra possibilità di analisi del problema!!

Immagina di essere eccitato ma non troppo, quindi hai due strade, o aumenti il ritmo come accade nella masturbazione o aumenti gradualmente l’eccitazione naturale che è proporzionale all’aumento della libido, per poi giungere all’orgasmo, il problema è proprio qui che l’eccitazione non aumenta per un blocco della libido, quindi si può affermare che è iniziato il processo ma si è poi arrestato!!

Questo si può bloccare o per diminuzione del testosterone come conseguenza di una eccessiva masturbazione oppure per problemi relativi all’ansia, non accettarsi per come si è, non essere sicuri di poter soddisfare….. insomma essere invasi da un senso di preoccupazione o ansia è quasi sempre penalizzante e la sensibilità del glande è la cosa più vistosa!!

Solo tu, imparando a conoscerti, puoi capire cosa accade in quel preciso momento.

Un saluto.😜


(08-2016) BP16-EG13,5

(04-2017) BP18-EG14

:-pulse: :jumpred:

Ciao ragazzi, volevo provare a inserire nella mia routine i Reverse Kegel per combattere la mia eiaculazione precoce.

Dato che ho anche problemi di erezione ogni tanto dovuti al fumo (che ho smesso ieri l’altro per fortuna e non ho intenzione di riniziare), pensavo di integrare la routine anche coi Kegel normali che aiutano tantissimo nei casi di scarsa erezione.

Pensavo di fare la classica routine al mattino e una volta finita fare 10 kegel classici da 5 secondi l’uno col pene in erezione.

Per il resto della giornata invece fare 3 sessioni separate (pranzo, pomeriggio e sera) da 10 kegel inversi rilassando il miscolo pc.

Che ne pensate?… O è meglio fare a giorni alterni di soli reverse kegel/kegel normali??


Start 28/09/15: Bpel 18,5cm EG 13,5(?)

Now: Bpel 20,8cm EG 14.00cm

Goal: BPEL 22cm EG 15cm

Top

All times are GMT. The time now is 11:35 PM.