Thunder's Place

The big penis and mens' sexual health source, increasing penis size around the world.

I miei primi passi nel mondo del PE

Comunque oggi apporterò queste modifiche alla routine e vediamo cosa succede.

Vi tengo aggiornati.

C’è una domanda che vorrei fare.
Col dry jelq trovo più difficoltoso mantenere un’erezione adeguata all’esercizio (l’olio del wet jelq da questo punto di vista aiuta) perciò, dovendo fare 50 jelq, più o meno ogni 10 mi fermo qualche secondo per masturbarmi e recuperare un poco l’erezione.

E’ un problema? “Rovina” l’esecuzione dell’esercizio?

Cari ragazzi,
ieri, dopo poco più di un mese e mezzo, ho ripreso le misure. Pare che i millimetri che mancavano siano ricomparsi, non proprio “nitidamente” come prima (compaiono se l’erezione è proprio al 100%), ma ci sono. Sono di nuovo a 17.2 cm. Non so se quella dell’ultima misurazione sia stata una fluttuazione negativa o se la routine modificata me li abbia fatti recuperare, fatto sta che ci sono.

Ora, da tre settimane faccio: 20 minuti di stretching con fulcro e 50 dry jelq con 5 minuti di riscaldamento a inizio e fine routine.

A questo punto, considerando che l’ultima volta ho smesso di avere guadagni proprio dopo essere arrivato (ed essermi fermato) a 20 minuti di stretching per mesi, pensavo di superare la barriera dei 20 minuti, sempre gradualmente.

Che ne pensate?

Prova a cambiare completamente tipo di esercizi.

Sembra chiaro a questo punto che hai bisogno di stimoli nuovi. Fermo restando il jelqing puoi provare a fare hanging per uno-due mesi e vedere come va.

Se decidi, inizia con 2,5 kg per poi aggiungere mezzo chilo a settimana fino ad arrivare a quattro/cinque.

Due sessioni giornaliere da 10 minuti, 5/2 giorni a settimana.

Messaggio originale di crek88
Prova a cambiare completamente tipo di esercizi.
Sembra chiaro a questo punto che hai bisogno di stimoli nuovi. Fermo restando il jelqing puoi provare a fare hanging per uno-due mesi e vedere come va.
Se decidi, inizia con 2,5 kg per poi aggiungere mezzo chilo a settimana fino ad arrivare a quattro/cinque.
Due sessioni giornaliere da 10 minuti, 5/2 giorni a settimana.

Aumentare le tempistiche non ti sembra conveniente quindi? Non è possibile che superando i 20 minuti (tempistica alla quale il mio pene è abituato per non averla mai superata) io possa riprendere a guadagnare?

Nel frattempo faccio alcune domande sulla nuova routine con l’ hanging:
1) Quando dici 5/2 intendi 5 giorni sì e 2 no?
2) Non ho mai fatto due sessioni giornaliere, come funziona? Ammettiamo di farne una la mattina e una la sera: di mattina faccio solo hanging (con riscaldamento prima e dopo) e la sera hanging e jelqing (con riscaldamento prima e dopo la routine)?

Aggiungo un’altra domanda: sto leggendo una discussione dal titolo Hanging 101, per capire bene come eseguire l’esercizio.

Ma è possibile costruire una hanging device “fatta in casa”? Se sì, come mi consigli di costruirla?

Ok, ho dato una bella lettura alla discussione che dicevo e vorrei fare alcune domande:

1) dovrei prendere un periodo di decondizionamento prima di partire con hanging?

2) nella discussione blink dice di aver usato per anni un hanger costituito da un elastico per capelli e un Theraband (non ho capito bene cosa sia): in sintesi dovrei avvolgere l’elastico attorno al pene e ad esso agganciare i supporti per i pesi?

3) ho notato che nella discussione si sconsigliano i giorni di riposo completo, perché?

4) quando nella discussione si fa riferimento ai diversi angoli con cui fare hanging, cosa si intende?

Scusate se in questi giorni sto facendo un bombardamento di post ma sono molto entusiasta per questa storia dell’ hanging.

Sto provando a costruire una hanging device con le indicazioni trovate sul forum ma la cosa risulta più difficile del previsto. Utilizzando in fatti un tubo di gomma (tipo quelli da giardino) come suggerito, se non lo si stringe a sufficienza questo scivola insieme alla pelle, finché la pelle non copre il glande e il tubo cade via; se lo si stringe troppo fa un po’ male.

Voi come avete risolto?

Cari ragazzi,
mentre aspetto i vostri chiarimenti in questi giorni mi sono molto documentato sull’hanging :)
Più leggo e più aumenta il mio entusiasmo, elemento da non sottovalutare: non vedendo guadagni ormai da molti mesi una ventata di novità era proprio quello che ci voleva.

Ho letto praticamente tutte le spiegazioni che blink scrive nella discussione “hanging 101” e in questi giorni ho anche costruito un prototipo del mio primo hanger. Dico “prototipo” perché con quello che ho imparato ho intenzione di costruirne uno migliore.

Questo l’ho costruito con un tubo di plastica dalle pareti spesse mezzo centimetro (bello spesso) e diametro interno di circa 2 cm, tagliato per lungo come specificato nella discussione. Ai lati ho poi fatto due fori e ad essi ho collegato dei lacci ai quali agganciare i pesi.

Questa sera ho quindi provato una breve e leggera sessione di hanging, per iniziare a prendere dimestichezza col difficile esercizio. Così ho semplicemente ripetuto la mia solita routine ma con l’ hanging al posto del solito stretching. Ho fasciato il mio pene con delle bende (quelle che si usano per le ferite) avendo cura di lasciare scoperto il glande per poterlo controllare, ho infilato il pene fasciato nel tubo e ho fissato quest’ultimo con un elastico per capelli tagliato in due. Infine ho collegato solo mezzo kg di peso, tanto per iniziare.

Le cose non sono andate proprio alla grande, l’esercizio è davvero complesso: inizialmente l’hanger tendeva a sfilarsi, poi ho stretto di più l’elastico ma questo ha fatto sì che il glande iniziasse, dopo circa 9 minuti su 10, a diventare scuro. E quando aumenterò il peso sarà necessario stringere ancora di più. Inoltre, parte del pene rimane nella fessura dovuta al taglio fatto sul lato del tubo, tirando un po’ la pelle. Credo che il tutto si risolverà fissato la chiusura del tubo con qualcosa di più largo di un elastico per capelli, così da non bloccare la circolazione.

Avete consigli da darmi? Modifiche che dovrei apportare all’hanger? Modifiche sul modo di eseguire l’esercizio? :)

Nel frattempo aggiorno il diario :)

Ho costruito un hanger migliore del primo, con le indicazioni trovate su “hanger 101”, sempre usando lo stesso tipo di tubo ma questa volta facendo un buco davanti per inserire il gancio (l’altro hanger aveva due buchi laterali). Per bloccarlo sul pene non uso più un elastico ma un laccio di scarpe annodato più volte attorno al pene. Sembra restare più saldo, ma per il momento sto usando un solo kg, non so come andranno le cose aumentando il peso. Per cui ho 3 domande:

1- Avete dei consigli su come costruire un hanger che non scivoli o fissare meglio quello che ho costruito?

2- L’ esercizio va eseguito non a glande scoperto, vero? Perché quando ho provato ad eseguirlo a glande scoperto, naturalmente il glande si richiudeva dopo aver collegato il peso facendo sfilare l’hanger.

3- Come potrei risolvere il problema della pelle che rimane nella chiusura dell’hanger venendo un poco tirata dal peso? Non trovo tubi più grandi di questo (2 cm di diametro interno).

Prova a costruirti il chickenchocker, ti dovrebbe risolvere i problemi che hai. Io a suo tempo l’ho fatto e collaudato senza problemi fino a 5 kg. Le istruzioni sono molto dettagliate. Se ben posizionato sentirai tirare solo alla base del pene.

Homemade Hanger Models and Instructions

Per tutte le tematiche dell’hanging fai riferimento alle sezioni dedicate del forum, specie quello in inglese.

Messaggio originale di crek88
Prova a costruirti il chickenchocker, ti dovrebbe risolvere i problemi che hai. Io a suo tempo l’ho fatto e collaudato senza problemi fino a 5 kg. Le istruzioni sono molto dettagliate. Se ben posizionato sentirai tirare solo alla base del pene.
Homemade Hanger Models and Instructions
Per tutte le tematiche dell’hanging fai riferimento alle sezioni dedicate del forum, specie quello in inglese.

I questi giorni proverò a costruire il CCH e nel frattempo continuerò ad usare il mio homemade per non restare fermo.

Però ragazzi c’è una cosa che proprio non riesco a capire: l’hanging con un homemade hanger si fa a glande coperto, giusto?

Sinceramente mi sembra impossibile farlo a glande scoperto, perché per quanto uno possa fissare adeguatamente l’hanger, il glande tenderà sempre a rinchiudersi facendolo sfilare. Questo almeno è quello che ho constatato provandoci.

Ho letto attentamente le istruzioni per costruire un CCH e in questi giorni inizierò a costruirne uno. Una domanda:

Qual è il materiale migliore da scegliere per i lati dei tubi che compongono il CCH? Mi riferisco a quei rettangoli neri che vengono bloccati dalle viti sui lati dei tubi.

È importante per evitare che l’hanger scivoli.

Il materiale che ho scelto io era composto da un rettangolo di gomma con delle strisce orizzontali a rilievo. Se non ricordo male, perché è passato parecchio tempo, ho trovato tutto senza problemi da Brico. Una buona alternativa potrebbe essere un pezzo di neoprene.

Aggiungo un’altra domanda: se per qualche motivo una delle due sessioni da dieci minuti dovesse finire prima (l’hanger si stacca, il glande diventa troppo blu ecc.), magari dopo 5 minuti, aggiungo una terza sessione da 5 minuti per recuperare il tempo?

Top

All times are GMT. The time now is 06:19 PM.